CRESCERE INSIEME

Percorso educativo per la prevenzione ed il contrasto di bullismo e cyberbullismo.
Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ai sensi dell'Avv.2/2020 per il finanziamento di iniziative e progetti di rilevanza nazionale ai sensi dell'articolo 72 del decreto legislativo 3 luglio 2017, n.117 e s.m.i. - anno 2020.



 

  

 

 

CRESCERE INSIEME 
Percorso educativo per la prevenzione ed il contrasto di bullismo e cyberbullismo

Il progetto è interamente finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ai sensi dell’Avviso n.2/2020 - finanziamento di iniziative e progetti di rilevanza nazionale ai sensi dell’articolo 72 del decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117 e s.m.i. - Anno 2020.

 

 

 

 

SINTESI E OBIETTIVI 

Dopo il successo di Stop Bullying 2.0, Sipea e il partner Csen ripropongono un percorso educativo per la prevenzione e il contrasto di bullismo e cyberbullismo.

L'idea progettuale è quella di realizzare, in collaborazione con gli istituti scolastici e i centri di aggregazione giovanile di 20 regioni italiane, una serie di azioni volte a prevenire, individuare e contrastare varie forme di bullismo e di cyberbullismo, limitare la dipendenza da internet e l’uso sbagliato dei social da parte delle giovani generazioni, coinvolgendo bambini e ragazzi dagli 8 ai 16 anni, insegnanti e genitori.

Le linee di intervento sono principalmente tre:

 

1) Realizzazione di incontri educativi rivolti agli alunni e volti a sensibilizzare e istruire bambini e ragazzi sulle caratteristiche del fenomeno e dotarli degli strumenti utili per riconoscerlo e affrontarlo; fornire informazioni, sfatare falsi miti, chiarire dubbi, promuovere interventi di collaborazione, tutoring e aiuto reciproco.

 

2) Realizzazione di incontri con genitori e insegnanti con l’obiettivo di fornire loro gli strumenti necessari per prevenire, riconoscere le varie forme di bullismo e intervenire se necessario, lavorando in sinergia e aumentando le opportunità di collaborazione tra scuola e famiglia.

 

3) Realizzazione di video e filmati in cui ragazzi ed insegnanti diventano attori ed interpreti di storie rivisitate, prendendo spunto da episodi reali di bullismo e cyberbullismo.

 

Per quanto riguarda la metodologia utilizzata, il continuo aumento del fenomeno del bullismo negli ultimi anni ha dimostrato che i programmi tradizionali di prevenzione, basati sull’informazione dei rischi, si sono dimostrati inefficaci. Ecco perché i nostri operatori (psicologi, sociologi, assistenti sociali, educatori, counselor) utilizzeranno accanto alle lezioni frontali, anche attività esperienziali e laboratoriali, favorendo momenti di interazione e di confronto e cercando di porre l’accento soprattutto sull’aspetto emotivo del fenomeno, potenziando le abilità sociali, in particolare la consapevolezza emotiva e l’empatia. 

 

 

DESTINATARI DEGLI INTERVENTI

I destinatari del progetto saranno:

-  bambini e ragazzi di età compresa tra gli 8 ed i 16 anni che frequentano le scuole primarie e secondarie ed i centri di aggregazione giovanile, nei quali saranno realizzate le attività progettuali.

-  genitori ed insegnanti delle scuole coinvolte nelle attività progettuali che parteciperanno agli incontri con gli psicologi esperi in materia.

 

 

RISULTATI ATTESI

- Prevenire il fenomeno del bullismo mediante percorsi educativi finalizzati al miglioramento della stima di sé e degli altri e allo sviluppo di un comportamento responsabile, cosciente e consapevole nel contesto scolastico.

- Potenziamento negli studenti delle abilità sociali, in particolare la consapevolezza emotiva e l’empatia.

- Responsabilizzazione dei ragazzi nelle relazioni tra pari.

- Sviluppare negli studenti capacità critiche sulle dinamiche di gruppo e sulla diffusione del senso di appartenenza ad una comunità.

- Favorire in loro lo sviluppo di una conoscenza civile e democratica, in apertura verso la realtà territoriale e internazionale.

- Diminuzione dei fenomeni di violenza, aggressività, bullismo e cyberbullismo nelle scuole interessate dal progetto e, in generale, nelle aree urbane sulle quali le stesse insistono.

- Incentivo a diminuire le forme d’incontro virtuale in favore di relazioni de visu.

- Potenziamento delle possibilità di intervento degli insegnanti.

- Aumento del coinvolgimento dei genitori e della collaborazione scuola-famiglia. 

 

 

DURATA 

Il progetto ha una durata complessiva di 18 mesi.




Documentazione