STOP BULLYING 2.0 PROGETTO NELLE SCUOLE

Peer education e digital storytelling per contrastare bullismo e cyberbullismo. Progetto realizzato in 20 regioni italiane con la durata di 18 mesi.



                                                          

 

 

                                                          







STOP BULLYING 2.0


Peer education e digital storytelling per contrastare bullismo e cyberbullismo
Il progetto è interamente finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ai sensi dell’Avviso n.1/2018 - finanziamento di iniziative e progetti di rilevanza nazionale ai sensi dell’articolo 72 del decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117. - Anno 2018.







SINTESI E OBIETTIVI

STOP BULLYING 2.0 è un progetto ideato per prevenire, individuare e contrastare le forme di bullismo e di cyber bullismo, per limitare la dipendenza da internet e l'uso sbagliato dei social-media fatto dalle giovani generazioni.
La SIPEA (con il partner CSEN) da anni si occupa dell'educazione giovanile volta a prevenire forme di disagio e violenza, per questo la nostra idea progettuale è quella di realizzare, in collaborazione con gli istituti scolastici e i centri di aggregazione giovanile di più regioni italiane, una serie di azioni di prevenzione e contrasto, che coinvolgano non solo i ragazzi, ma anche gli insegnanti e i genitori.

Obiettivi generali per contrastare il fenomeno del bullismo:


• Sensibilizzare e istruire i bambini e i ragazzi sulle caratteristiche del fenomeno e dotarli degli strumenti per affrontarlo
• Identificare le vittime di bullismo e provvedere alla loro tutela mediante programmi di intervento individuali
• Identificare “i bulli” e limitare gli atti di bullismo mediante lo studio e la realizzazione di programmi individuali per il recupero dei casi “a rischio”
• Individuare e sperimentare strategie innovative per affrontare il fenomeno

Obiettivi generali per contrastare i pericoli di internet e il cyber-bullismo:


• Sensibilizzare, informare e formare le famiglie sull’utilizzo di strumenti di parental control che limitino l’accesso a contenuti potenzialmente pericolosi in rete
• Sensibilizzare, informare e formare gli educatori (insegnanti e genitori) in merito agli strumenti di comunicazione/interazione della rete
• Far conoscere e riconoscere ai bambini e ragazzi i pericoli della Rete: pedofilia e cyber –bullismo
• Istruire i bambini e i ragazzi in merito alle strategie comportamentali per ridurre i rischi di esposizione
• Promuovere interventi di collaborazione, tutoring aiuto reciproco
• Attuare percorsi di educazione alla convivenza civile e alla cittadinanza
• Predisporre momenti di formazione/autoformazione per i docenti sulle strategie di gestione del fenomeno.





COME SI SVOLGE LA PREVENZIONE

La prevenzione, applicata nelle scuole e nei Centri di Aggregazione Giovanile, è principalmente rivolta ad alunni, docenti, genitori e stakeholder (coloro i quali nutrono un interesse nei confronti dell’associazione e delle sue attività), e prevede le seguenti linee di intervento:


La sensibilizzazione. In collaborazione con le scuole ed i Centri di Aggregazione Giovanile, l’Associazione organizza dei convegni di informazione e sensibilizzazione (finanziati dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali), per far conoscere meglio, le problematiche legate al bullismo e al cyberbullismo (i primi sintomi, le conseguenze fisiche e psicologiche negli adolescenti vittime, applicazioni per denunciare atti di bullismo, figure a cui rivolgersi).


L’informazione. Essere informati consente di riconoscere la problematica che si presenta ed esser più sicuri e consapevoli sulle procedure da compiere e sulle figure di riferimento a cui rivolgersi in caso di necessità.


La formazione. Prevede incontri concordati, all’interno dei quali l’associazione mette a disposizione i suoi professionisti (psicologi, assistenti sociali, sociologi, pedagogisti), che illustreranno: tecniche comportamentali, strumenti e applicazioni per controllare, prevenire e segnalare situazioni di bullismo; figure di riferimento ai quali rivolgersi in caso di necessità e tutte le procedure necessarie per contrastare il fenomeno.


La divulgazione. L’associazione organizza Convegni di Informazione e Sensibilizzazione per informare i cittadini sulle problematiche del bullismo e del cyberbullismo e sulle azioni da compiere per prevenire e contrastare tali fenomeni.



PRINCIPALI METODOLOGIE UTILIZZATE

Peer education
Lezioni frontali
Digital storytelling



DESTINATARI

Bambini e ragazzi di età compresa tra gli 8 e i 16 anni, genitori e insegnanti.



AMBITO TERRITORIALE

Il progetto sarà realizzato in 20 regioni di Italia.



DURATA

Il progetto avrà una durata complessiva di 18 mesi.
 Visualizza il cronoprogramma delle attività





Scarica l'abstract del progetto



LINK AMICI

Generazioni connesse